Serata La Malattia come relazione sospesa con Gabriele Policardo

Serata La Malattia come relazione sospesa con Gabriele Policardo

  • 6 Aprile 2018
    18:30 - 21:00

Le Biocostellazioni® ci hanno permesso di verificare, in cento casi su cento, che tutti quelli che noi definiamo «sintomi» sono forme di amore non andato a buon fine, legami spezzati, irrisolti: sono relazioni sospese. Non a livello psicologico o psicosomatico: sono dei programmi speciali, biologicamente sensati, che tentano di ripristinare questa relazione perduta, d’integrare questo amore sospeso. Le malattie sono un modo speciale di amare.

Usciamo una volta per tutte dall’angoscia del male oscuro, del maligno, ma anche dell’errore della natura, della cellula che impazzisce, del terrorismo biologico e del condizionamento, per entrare in una nuova dimensione, biologica prima che spirituale, in cui ciascuno può fare esperienza del proprio sintomo come di un unico e speciale adattamento. Una risorsa, strutturata in milioni di anni, per favorire la nostra sopravvivenza, sia come elementi di un branco, sia soprattutto nelle nostre relazioni.

Non possiamo comprendere un sintomo se, in prima battuta, non torniamo nella saggia e ferma curiosità dei bambini e non ci chiediamo «perché?». Qual è il senso di questo sintomo? Perché sul lato destro e non sul sinistro? Perché questo organo e non un altro? Perché proprio adesso? Perché proprio a me?

Le Biocostellazioni ci permettono di scoprire le risposte a queste domande. Risposte ferree, verificabili in ogni caso. Attraverso questo approccio di comprensione e crescita, andiamo alla radice di ciascun sintomo, lo ristrutturiamo, lo inquadriamo all’interno di una precisa dinamica sistemica. E se c’è la possibilità d’innescare un movimento che può migliorare o alleggerire il sintomo, tentiamo una riconciliazione attraverso una rappresentazione, secondo le forme delle costellazioni familiari e spirituali. Questo produce, in molti casi, la completa scomparsa del sintomo.

Infatti, per comprendere una malattia, è indispensabile osservare non solo l’individuo, ma l’intero sistema familiare da cui proviene. Scopriamo così che, ad altri livelli, i sintomi sono sempre dovuti a ordini gerarchici violati, a forme di compensazione o espiazione, a movimenti dello spirito che legano tra di loro gli appartenenti alla famiglia, in un amore unico, vero per ciascuno, irripetibile.

Da questa prospettiva, decade il concetto stesso di «malattia» così come anche quello di «guarigione». Non esiste la possibilità di guarire da qualcosa che è un perfetto schema di adattamento, appreso fin dalla vita fetale, incarnato dal nostro stesso senso di appartenenza a una famiglia, alle sue leggi, ordini, destini. Si può tuttavia stare meglio, sciogliendo i legami più pesanti, acquisendo una maggiore libertà, inchinandosi al destino di coloro che, per amore, stiamo inconsciamente rappresentando.

Gabriele Policardo Autore, ricercatore e facilitatore in Costellazioni familiari, sistemiche, mediali e spirituali, ha studiato e praticato varie discipline, tra le quali Radioestesia e pulizia dell’aura, i corsi di Cesare Boni sulla morte, la mente e i sette stati di coscienza, le Cinque Leggi Biologiche. Allievo di Bert Hellinger, conduce in tutta Italia seminari di Costellazioni Familiari e Sistemiche e seminari di nuove Costellazioni Spirituali.
Ha fondato le Biocostellazioni®, una nuova dimensione dell’aiuto e della consapevolezza, nella quale le Cinque Leggi Biologiche si fondono alle Costellazioni mediali e spirituali, in un nuovo approccio al sintomo, al cliente, al corpo e all’Anima.
Ha pubblicato i libri Tarocchi Karma Destino, Desideriologia – La Scienza della Vita, Discorso sul Sintomo – I movimenti creativi dello Spirito, La Malattia come Relazione Sospesa – Il metodo delle Biocostellazioni tutti editi da Spazio Interiore

 

LIBRI DELL’AUTORE

LA MALATTIA COME RELAZIONE SOSPESA

Un libro che getta nuova luce sulla malattia e sul sintomo, spiegando come – in funzione di una loro definitiva guarigione – trovare risposta alle domande decisive: «Perché questo sintomo a me, ora, all’interno della mia famiglia, nella mia personale esperienza? Qual è il suo senso biologico?». Due domande davvero cruciali che da troppi anni sono rimaste senza risposte sensate e comprovabili, e alle quali è finalmente possibile rispondere. Con il suo stile immediato e coinvolgente, l’Autore presenta le fondamenta del lavoro delle Biocostellazioni, uno strumento di aiuto alla vita che applica le costellazioni familiari e spirituali ai sintomi, orientandosi su una base biologica, scientifica, verificabile e riproducibile. Anche attraverso alcuni esempi tratti dall’esperienza concreta, viene fornita una serie di strumenti attraverso cui apprendere come vedere sintomo e malattia come relazioni sospese. Una malattia, infatti, è sempre – a un qualche livello – una relazione interrotta, un movimento profondo che ha inizio nell’anima e che si traduce, quale ultimo anello, in una fisiologia speciale nel corpo. Per venirne a capo, per guarire in un senso più ampio, occorre recuperare questa relazione sospesa, integrarla.

 

DISCORSO SUL SINTOMO

In questo breve saggio, attraverso una riflessione d’indole spirituale e filosofica, Policardo offre al lettore una ricostruzione del sintomo e della malattia che possa aiutare a comprenderne l’origine psicologica e la sua funzione, per facilitarne il superamento.Discorso sul sintomo è un libro che fornisce spunti, descrizioni e testimonianze sulla natura di tutti i sintomi intesi come movimenti creativi dello spirito. Ogni sintomo, ovvero ogni aumento o diminuzione di funzione in una parte del corpo, incluse le alterazioni nei sentimenti o nelle percezioni, non è che l’ultimo anello di una catena che, pur manifestandosi sul piano fisico, ha un’origine psichica e ancor prima spirituale, sulla quale è possibile indagare e lavorare. Il taglio è esperienziale: il lettore viene messo nelle condizioni di tradurre le riflessioni contenute nel libro in verifiche proprie, in esperienze dirette, in una nuova comprensione del sintomo quale espressione degli irrisolti personali, familiari o del sistema di appartenenza, in un’ottica volta alla creazione di consapevolezza e non di intervento nell’approccio personale alla salute.

 

DESIDERIOLOGIA – La scienza della vita

L’arte di desiderare non è per tutti.

Tutti desiderano, eppure la maggior parte delle persone è abituata a separare il piano del desiderare dal piano del realizzare, confondendo il desiderio con il sogno. Infatti, il desiderio è una forza che tutti noi conosciamo e di cui facciamo esperienza, solo pochi però riescono a tradurre questa energia in realtà. Il libro racconta, esplora, descrive il desiderio e l’arte di desiderare, la desideriologia, ovvero, discorso sul desiderio e dunque processo di crescita, comprensione e coscienza. Non si può infatti desiderare senza cambiare. Il desiderio apre le porte a un viaggio sempre più profondo nella nostra anima e nei regni cui siamo collegati, e a tutti coloro cui siamo correlati. Poiché ciascuno di noi non è che l’ultimo elemento di un’infinita catena di uomini e donne (genitori, nonni, antenati) e di esistenze.

Sede:  

Telefono Sede: 02.72080619

Indirizzo:
Galleria Unione, 1, Milano, 20122

Powered by AlienPro - © 2017 Anima Eventi Tutti i diritti sono riservati
Galleria Unione, 1 (MI) – P. I. 08121190964 - Tel. 02 72080619 – Cell. 348 9247907 – segreteria@animaeventi.com - PEC: animaeventi@pec.it