Astrologia: il metodo Astrosofico. Intervista a Viviana Queirolo Bertoglio

Astrologia: il metodo Astrosofico. Intervista a Viviana Queirolo Bertoglio

ASTROSOFIA

Intervista a Viviana Queirolo Bertoglio

dell’istituto Phedros

 

Come sei arrivata a occuparti delle discipline olistiche e in particolare dell’Astrosofia?

Mi piace raccontare come mi sono appassionata all’astrologia e all’astrosofia perché penso che solo tramite la passione si può trasmettere la passione.  Ho conosciuto Fabrizio Mariotti che è il fondatore, ideatore del metodo chiamato “Astrosofia” e che da 40 anni fa l’astrologo professionista, esattamente dodici anni fa. In quel momento lavoravo nel business,  ero una donna in carriera molto mentale, motivata, credevo che quella fosse la mia vita. Con questo incontro ho cominciato ad aprire delle prospettive nuove nella mia vita semplicemente durante una lettura del tema natale che Fabrizio mi fece.

Il tema natale è qualcosa che rivela praticamente tutto di noi se lo sappiamo leggere. Ho scoperto questo strumento affascinante proprio vivendo personalmente l’esito di questa lettura perché tutta una serie di raccomandazioni, suggerimenti, necessità di aumentare la mia consapevolezza che venivano fuori le ho poi provate sulla mia pelle tramite una serie di eventi negativi che hanno colpito i miei genitori e il mio lavoro. Quando ho capito che questa situazione era collegata all’esigenza da parte di una forza più grande di indirizzarmi sul un percorso diverso, un percorso spirituale che avevo già iniziato dentro di me molti anni prima ma di cui non volevo parlare con nessuno e che non volevo portare “fuori”, nella mia vita di tutti i giorni, ho finalmente compreso che cos’è il destino, una sorpresa fenomenale per me e ho imparato cosa vuol dire vivere la propria vita in allineamento continuo con il proprio destino.

Durante quelle vicende per me dolorose ho rivoluzionato la mia vita – ovviamente ci è voluto un po’ di tempo ma oggi mi sento una persona che ha avuto il coraggio di cambiare e ho capito che quando facciamo ciò che ci piace veramente, profondamente, stiamo anche seguendo il nostro destino e quindi stiamo facendo la cosa più utile al mondo per tutti quanti.  Il mio passo successivo è stato quello di trasmettere agli altri più possibile ciò che avevo appreso.

Fino al 2013 come dicevo ho vissuto la mia spiritualità come qualcosa di privato, ma poi ho capito che mi è richiesto di condividere, che fa parte del mio percorso, quindi ho iniziato a condividere i miei pensieri, le mie scoperte, l’Astrosofia ma anche gli altri  metodi olistici con cui entravo meravigliosamente in sintonia e con due amiche nel 2013 ho fondato Phedros, www.phedros.com, un portale che presenta metodi olistici e professionisti che li praticano rigorosamente sperimentati con successo da me o da persone a me vicine. L’idea è quella di utilizzare il web per diffondere conoscenze e metodi per stare bene spiritualmente, psicologicamente e quindi come naturale conseguenza anche fisicamente e consentire la prenotazione anche online.

Offriamo sessioni private e corsi online, i nostri metodi sono: Astrosofia®, Campane di cristallo, Life Coaching, Coaching  (psico) astrologico, Mindfulness, PSYCH-K®, Bionutrizione, Alimentazione bioenergetica, Brain Up, Personali-tree system, Il metodo del Dr Nader Butto, il Massaggio del sé, il My Life Design, Infinity Building Project…

 

 

Che cos’è l’Astrosofia?

È uno degli  strumenti più potenti, una chiave di comprensione del linguaggio di come è strutturato l’universo e quindi di come siamo strutturati anche noi. Utilizza gli stessi strumenti dell’astrologia tradizionale ma ne espande le possibilità di interpretazione aggiungendo nuovi punti di vista, nuovi metodi di lettura, nuove interpretazioni, restando in aggiornamento continuo con l’evoluzione della scienza e delle concezioni spirituali. È un metodo che si apprende facilmente a un livello iniziale perché non richiede conoscenze astronomiche o matematiche, come l’astrologia tradizionale, ma poi offre spazi immensi di collegamento e interpretazione che si comprendono nel corso degli anni.

Con lo strumento dell’Astrosofia si possono leggere tutte le cose, qualsiasi cosa perché è un linguaggio che consente di interpretare la realtà usando gli stessi principi, gli stessi concetti, gli stessi strumenti che costituiscono la struttura dell’universo.

In pratica cosa facciamo noi astrosofi? Leggiamo il campo informativo che sta intorno alla persona, la struttura dell’energia prima che diventi materia. Leggiamo e interpretiamo il cielo di nascita, che è la fotografia del cielo al momento della nascita: in quel momento per una magica ma anche scientifica legge dell’universo quel cielo viene esattamente rappresentato anche all’interno della persona che sta nascendo, che sta venendo alla luce e come una lastra fotografica viene impressionata dalla luce.  Che bella l’immagine di “venire alla luce” noi veniamo alla luce e in quel momento la luce ci impressiona come una lastra!

Che cosa viene impresso dentro di noi? Il modo in cui è strutturato il sistema solare in quel momento viene riflesso per sincronicità dal nostro campo energetico e quindi noi in piccolo rappresentiamo la stessa struttura che possiamo leggere nei pianeti nel cielo.

Da quel momento abbiamo quell’imprinting fondamentale, che come il seme per la pianta definisce non solo la nostra personalità ma anche la nostra missione della vita, che cosa siamo venuti a fare sulla Terra per noi ma anche per il nostro gruppo familiare. Qualsiasi cosa qualsiasi evento futuro che ci capiterà sarà allineato con quello che era stato previsto in quel momento.

Quindi noi studiando il nostro cielo abbiamo le chiavi di apertura di uno scrigno che solitamente è difficilissimo da comprendere e possiamo arrivare a capire delle cose di noi straordinarie che altrimenti non avremmo potuto scoprire oppure avremmo potuto con percorsi alternativi molto più lunghi e molto più faticosi. Nell’Astrosofia troviamo una sorta di “scorciatoia” anche se poi dopo la lettura comincia il vero viaggio alla scoperta di se stessi che  dura tutta la vita.

Lo cominciamo, o lo continuiamo, con uno strumento così potente che ci consente di capire cosa vuol dire comprendere se stessi perché altrimenti il rischio è di girare in tondo, di pensare di aver capito se stesso e invece poi si scopre che la parte più difficile,  quella in ombra, quella che non vediamo, non l’abbiamo veramente capita. Questo è successo a me e succede in continuazione a tutte le persone intorno a me, anche e soprattutto a quelli che si occupano di questi argomenti, perché chi si occupa di crescita personale fa come diceva Socrate, più impara più si rende conto di non sapere riguardo a se stesso.

La prima parte del percorso è proprio accettare di essere ignoranti riguardo a se stessi. Il percorso dell’Astrosofia aiuta a cominciare il lavoro su di sé, o a continuarlo per chi già lo sta facendo, inserendo lo strumento gradualmente e comprendendolo sempre meglio.  Si evolve insieme alla sempre maggiore conoscenza dello strumento. Le conoscenze per volere del creatore del metodo, Fabrizio Mariotti, non sono trasferite come conoscenze puramente mentali – per questo che è molto importante avere un rapporto personale – ma sono trasferite soprattutto come un passaggio energetico perché si trasferisce qualcosa che apre alla conoscenza che è già dentro di noi. Tiriamo fuori una conoscenza atavica che è già nel DNA di tutti quanti e quindi quando poi si incomincia a entrare in contatto con questi temi vengono le conoscenze e i collegamenti vengono fuori da soli.

C’è un momento nel percorso – ed è stato davvero bellissimo quando è successo a me – in cui dopo aver provato a studiare secondo i vecchi metodi, volendo arricchire la mente di informazioni,  improvvisamente si capisce tutto capito e poi si possono buttare via gli appunti perché a quel punto si attinge direttamente alla propria conoscenza interiore ed è veramente un momento meraviglioso.  Anche se lo studio, l’approfondimento, la pratica tramite la lettura dei temi natali degli altri non finisce mai.

 

Per fare i primi passi alla scoperta del metodo e per conoscere se stessi consigliamo di leggere il blog del nostro sito Phedros: www.phedros.com/blog/astrosofia

 

Oppure si può leggere il mio libro “Io e le Stelle, Introduzione all’Astrosofia di Fabrizio Mariotti”

Tutto è finalizzato a rendere autonoma la persona, non c’è nessuna intenzione di creare dei legami perenni anzi la scoperta del maestro interiore è il primo obiettivo che abbiamo per cui nel momento in cui si sente che è sufficiente, ci si può fermare e nel momento in cui si sente di voler  andare avanti, si procede. I percorsi sono tutti unici noi siamo degli individui unici e irripetibili e quindi non c’è un percorso unico strutturato in maniera uguale per tutti.  L’insegnamento è chiaramente pianificato ma se al momento ci si rende conto che c’è bisogno di qualcos’altro si cambia e si segue il movimento dell’energia, si segue il bisogno delle persone, si segue quello che sta succedendo perché non è possibile dare una struttura di percorso uguale per tutti.

 

Powered by AlienPro - © 2017 Anima Eventi Tutti i diritti sono riservati
Galleria Unione, 1 (MI) – P. I. 08121190964 - Tel. 02 72080619 – Cell. 348 9247907 – segreteria@animaeventi.com - PEC: animaeventi@pec.it